Pubblicato il

IA – Come un consulente può utilizzare l’intelligenza artificiale per trovare nuovi clienti

L’intelligenza artificiale può essere uno strumento potente per i consulenti che cercano nuovi clienti. Esistono diversi modi in cui l’IA può essere utilizzata per questo scopo.

Innanzitutto, l’IA può essere utilizzata per raccogliere informazioni sui potenziali clienti. Ad esempio, un consulente può utilizzare algoritmi di analisi delle parole chiave per identificare le aziende che potrebbero essere interessate ai suoi servizi. Questi algoritmi possono analizzare grandi quantità di dati, come i social media, per identificare le tendenze e le opportunità di mercato.

In secondo luogo, l’IA può essere utilizzata per personalizzare le comunicazioni con i potenziali clienti. Ad esempio, un consulente può utilizzare algoritmi di segmentazione del pubblico per identificare i clienti potenziali più interessati ai suoi servizi e inviare loro messaggi personalizzati. Questo può aumentare la probabilità di ottenere una risposta positiva da parte dei potenziali clienti.

Infine, l’IA può essere utilizzata per automatizzare alcune attività che altrimenti richiederebbero molto tempo e sforzo da parte del consulente. Ad esempio, un consulente può utilizzare chatbot basati sull’IA per rispondere a domande frequenti dei potenziali clienti e fornire loro informazioni sulle sue offerte. Questo può aiutare a risparmiare tempo e aumentare la produttività.

In sintesi, l’IA può essere uno strumento potente per i consulenti che cercano nuovi clienti. Può aiutare a raccogliere informazioni, personalizzare le comunicazioni e automatizzare alcune attività, aumentando così la produttività e la probabilità di ottenere nuovi clienti.

Pubblicato il

5 errori da evitare quando si riceve un reclamo relativo a un servizio di consulenza

5 errori da evitare quando si riceve un reclamo relativo a un servizio di consulenza
Il ricevere un reclamo relativo a un servizio di consulenza può essere un’esperienza stressante sia per il cliente che per l’azienda. Tuttavia, la maniera in cui si gestisce un reclamo può fare la differenza tra una situazione risolta in modo soddisfacente e una situazione che peggiora ulteriormente. In questa check-list esploreremo 5 errori comuni che si possono commettere quando si riceve un reclamo relativo a un servizio di consulenza e come evitarli, in modo da gestire al meglio queste situazioni e mantenere soddisfatti i propri clienti.
  1. Ignorare il reclamo: rispondere tempestivamente e in modo professionale al reclamo del cliente mostra che la sua opinione è importante per voi e che state cercando di risolvere il problema.
  2. Essere difensivi: evitare di difendervi in modo aggressivo o di addossare la colpa al cliente. Invece, cercare di comprendere la sua posizione e di trovare una soluzione che soddisfi entrambe le parti.

  3. Non prendere misure correttive: se il reclamo è legittimo, è importante prendere misure per evitare che il problema si ripresenti in futuro.
  4. Non mantenere la promessa: se avete promesso di fare qualcosa per risolvere il problema, è importante mantenere la parola data, in modo che il cliente sappia di poter contare su di voi.
  5. Non chiedere feedback: dopo aver risolto il problema, chiedere al cliente come si sente e se è soddisfatto della soluzione trovata, questo vi permetterà di verificare se il problema è stato risolto in modo soddisfacente e di migliorare il vostro servizio in futuro.

Pubblicato il

Come migliorare la redditività dello studio di consulenza

Per migliorare la redditività dello studio di consulenza, ci sono diverse strategie che possono essere adottate. Ecco alcune idee:

  1. Specializzazione: concentrarsi su un particolare settore o area di consulenza, in modo da diventare esperti in quel campo e attrarre clienti in cerca di consulenza specifica.
  2. Marketing: investire in attività di marketing per attirare nuovi clienti e aumentare la visibilità dello studio.
  3. Prezzi: valutare la possibilità di aumentare i prezzi per i servizi offerti, soprattutto se si è diventati esperti in un determinato settore.
  4. Costi: analizzare i costi e cercare di ridurli dove possibile, ad esempio attraverso l’ottimizzazione dei processi o l’adozione di tecnologie più efficienti.

  5. Nuovi servizi: offrire nuovi servizi complementari a quelli già offerti, per diversificare la propria attività e attrarre nuovi clienti.
  6. Collaborazioni: cercare opportunità di collaborazione con altri studi di consulenza o professionisti per ampliare la propria offerta di servizi e generare nuove entrate.
  7. Clienti fidelizzazione: mantenere relazioni durature con i clienti attuali, fornendo loro un’elevata qualità di servizio per fidelizzarli e fargli tornare per future esigenze di consulenza.
Pubblicato il

11 errori da evitare quando fai una consulenza!

Nelle fasi iniziali di un incarico di consulenza, ci sono ampie opportunità di commettere errori. Sfortunatamente, gli errori nelle fasi iniziali di un progetto si possono amplificare durante l’erogazione della consulenza, e  possono portare a risultati disastrosi. Ecco una lista di errori a cui prestare attenzione, e quindi da evitare.

  • Accettare l’obiettivo dichiarato dal cliente, senza valutare attentamente la reale possibilità di raggiungerlo.
  • Concentrarsi immediatamente su una soluzione, per poi valutare un’implementazione e “la correzione” eventuale.
  • Saltare alle conclusioni su come condurre il progetto.
  • Non porre domande chiarificatrici riguardanti risorse, risultati attesi,e tempistiche.
  • Accettare tempistiche irrealistiche.

  • Non evidenziare problemi con cui ti senti a disagio e inadeguato.
  • Non contestare ciò che viene evitato, ad esempio i fatti, i rischi, la responsabilità e i risultati definiti.
  • Non affermare ciò che è necessario per portare  alla corretta realizzazione il progetto di consulenza.
  • Atteggiamento di paura. “Non sono abbastanza bravo.”
  • Atteggiamento presuntuoso. “Sono il più bravo.”
  • Non proporre ulteriori soluzioni che aumenterebbero il valore percepito della consulenza, per gli eventuali e inevitabili costi del progetto.
Pubblicato il

Quali errori professionali non devi ripetere nei prossimi 12 mesi! – parte 1

In questa prima parte  di questo articolo desidero fornirti 5 utili consigli per aiutarti a sviluppare la tua attività professionale evitandoti di compiere gli errori che probabilmente negli ultimi 12 mesi, hanno frenato la crescita del tuo fatturato.

Buona lettura!

Dr. Matteo Rapparini – info@edirama.org – Guarda il profilo su Linkedin
Titolare Edirama

  1. Non gestire  le tue inserzioni e recensioni
    Le recensioni dei consulenti sono essenziali quando si tratta di stabilire la tua reputazione. I clienti prendono sul serio sia le recensioni positive che quelle negative, quindi è importante gestire le tue. Tieni presente che una recensione negativa può trasformarsi in positiva se prendi sul serio il feedback del cliente e lavori con lui per migliorare la sua esperienza.Oltre alle tue recensioni ci sono le tue stesse inserzioni che devi mantenere aggiornate,  che visualizzino le tue informazioni in modo corretto e completo e che siano coerenti in tutti i siti di inserzioni. Questo include il tuo sito web, numero di telefono e indirizzo fisico (se applicabile).
  2. Non acquisire feedback dai clienti
    Se vuoi avere successo nella consulenza, devi sapere cosa pensano i tuoi clienti. È qui che entra in gioco il feedback. Il feedback è particolarmente utile all’inizio della relazione con il cliente. Ti consente di vedere i tuoi servizi dal punto di vista di un cliente.Nel bene o nel male, i sondaggi possono evidenziare parti della tua attività che richiedono attenzione.Un modo per generare un feedback significativo è attraverso i sondaggi sulla soddisfazione del cliente .Quando hai concluso una consulenza con un cliente, chiedi se sarebbe disposto a compilare un breve sondaggio. Per rispetto del tempo dei tuoi clienti, dovresti cercare di mantenere il sondaggio breve. Non includere mai più di 20 domande, poiché il completamento e l’invio del sondaggio dovrebbero richiedere meno di cinque minuti.

    Le opzioni sì o no sono ottime per domande semplici, ma è sempre una buona idea includere alcune aree di risposta libera per i clienti che vogliono dirti di più.Quando un numero sufficiente di persone compila il sondaggio, inizia il vero lavoro.

    Esamina le risposte e prova a vedere i punti in comune. Se tutti dicono che il tuo prezzo è troppo alto, allora è il momento di rielaborare la struttura della tua attività. In alternativa, potresti dover cambiare approccio e cercare clienti disposti a pagare di più.

  3. Utilizzare presentazioni poco curate
    Gran parte della consulenza consiste nel fornire presentazioni d’impatto. Se i tuoi clienti si stanno addormentando durante le tue presentazioni, allora è il momento di cambiare approccio.Trovare il giusto mix di informazioni utili e immagini accattivanti ti aiuterà a mantenere l’attenzione dei tuoi potenziali clienti durante le tue presentazioni.
  4. Sito web non aggiornato e dall’aspetto poco professionale
    Un sito web ottimizzato e aggiornato  è il tuo più grande alleato. Avere un sito web aggiornato, professionale e completo può generare molti nuovi clienti e può aiutarti a ottenerne di migliori.Il tuo sito web crea la prima impressione che molti potenziali clienti avranno della tua professionalità. Vuoi che le persone rispettino immediatamente le tue credenziali e scelgano di lavorare con te. Un sito ben progettato può farlo accadere.
  5. Non utilizzi  una costante strategia di content marketing
    Se sei un consulente, devi assolutamente dedicare molta attenzione al content marketing, cioè devi creare contenuti di valore per il tuo potenziale cliente.
    Non è necessario essere un consulente di marketing per utilizzare questa strategia. Se crei un’infografica utile, le persone del tuo settore condivideranno il tuo messaggio. Ti presenteranno a persone interessate allo stesso argomento e il tuo brand awareness crescerà.È sempre una buona idea includere il tuo sito web e il tuo indirizzo email su qualsiasi contenuto che crei. Ciò garantirà che il contenuto continui a portare potenziali clienti al tuo sito o alla tua email anche quando è condiviso da altri utenti.
Pubblicato il

Come fare preventivi di consulenza ad alto rendimento!

*********** COME MIGLIORARE I TUOI PREVENTIVI DI CONSULENZA E ACQUISIRE NUOVI CONTRATTI IN MANIERA COSTANTE ******

 

Uno dei principali problemi di chi svolge l’attività di consulenza, è rappresentato dalla difficoltà nel vedere trasformati i numerosi preventivi emessi, in incarichi professionali ben retribuiti.

Non è facile per il professionista capire le cause  di questo problema, in virtù anche della scarsa competenza marketing e commerciale che un tecnico in genere possiede.

In questo articolo ti forniamo alcune soluzioni pratiche tratte da Tools Preventivi di consulenza

********************

Check-Up vendita corsi on line – se realizzi e vendi corsi di formazione questo strumento ti può aiutare a sviluppare l’acquisizione di nuovi clienti
Check – up on line Ecommerce – lo strumento per incrementare le vendite del tuo ecommerce

********************

Il Prezzo non corretto
Molto spesso il professionista non riesce a definire un prezzo corretto relativo all’intervento di consulenza oggetto del preventivo. Un prezzo troppo basso rischia sempre di essere un boomerang perchè potrebbe obbligare il consulente a lavorare quasi in perdita o con una bassa redditività. Un prezzo troppo alto avrebbe l’effetto opposto ovvero quello di non consentire l’accettazione del preventivo.
In realtà il problema è dovuto alla difficoltà del professionista, nel comunicare al potenziale cliente, il valore del suo intervento consulenziale. Il cliente accetterà il preventivo di consulenza qualora il valore dal lui percepito sarà superiore al costo che deve sostenere.
Sostanzialmente al cliente interessa sapere come il problema risolto dall’eventuale consulente, gli eviti dei costi oppure gli porti un incremento di fatturato/ricavi. Tutto qua.
Cosa fare: nel preventivo inserisci chiaramente quali siano i vantaggi per il cliente, in termini economici, nell’accettare il tuo preventivo.

42
Creato il

Check_Up on line Attività consulenza - DEMO

Check_Up on line attività consulenza è lo strumento che consente ai consulenti di qualsiasi tipologia, di migliorare la propria attività professionale.

1 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Hai effettuato un'analisi degli ultimi 12 mesi della tua attività professionale?

2 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Per ogni cliente perso hai analizzato i motivi, le cause?

3 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Ti stai concentrando sulla clientela acquisita?

4 / 4

Categoria: Uncategorized

Stai utilizzando attività di direct marketing, come invio di lettere di presentazione, telemarketing, ecc?

Il tuo punteggio è

The average score is 39%

0%

Linguaggio non comprensibile dal decisore
Nel caso sia necessario allegare al preventivo una relazione tecnica facciamo attenzione a chi la dovrà leggere, non dimenticando che spesso colui che deciderà se accettare il tuo preventivo di consulenza, probabilmente sarà un NON ESPERTO della materia, ma sarà il titolare dell’azienda, oppure una persona apicale che “mastica poco” i tecnicismi della materia oggetto del preventivo.
Cosa fare: nella relazione tecnica che alleghi al preventivo inserisci anche un riassunto comprensibile da chi non è esperto della materia.

Non offrire un extra sconto in caso di accettazione immediata del preventivo
Uno degli errori più comuni nel redigere i preventivi di consulenza, è quello di non inserire una cosiddetta “call to action” che incrementi in modo esponenziale la possibilità di accettazione.
Come fare: offri un extra sconto es. del 20% in caso di accettazione del preventivo entro 7 gg.

*********** COME MIGLIORARE I TUOI PREVENTIVI DI CONSULENZA E ACQUISIRE NUOVI CONTRATTI IN MANIERA COSTANTE ******

Non utilizzare la tecnica del check-up a pagamento prima di fornire il preventivo
Qualora i tuoi servizi di consulenza, siano complessi e richiedano da parte tua un’attenta valutazione della realtà aziendale del cliente, è utile proporre un check-up a pagamento, funzionale all’emissione di preventivo.
Potresti proporre il check-up ad esempio a 500 euro, che verranno poi scontati nel caso di accettazione del preventivo.
Cosa fare: nel comunicare al potenziale cliente che il preventivo di consulenza verrà emesso solo a fronte di un check-up specifico a pagamento che sarà poi scontato dall’eventuale contratto di consulenza, fornisci al cliente il messaggio che già dal check-up potrà ottenere utili informazioni operative per risolvere il suo problema.

Autore

Dr.  Matteo Rapparini
CEO EDIRAMA
Guarda il profilo su Linkedin

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato il

Sviluppo attività di consulenza – 4 step per incrementare gli importi delle tue consulenze

********************

Check-Up vendita corsi on line – se realizzi e vendi corsi di formazione questo strumento ti può aiutare a sviluppare l’acquisizione di nuovi clienti
Check – up on line Ecommerce – lo strumento per incrementare le vendite del tuo ecommerce

********************

42
Creato il

Check_Up on line Attività consulenza - DEMO

Check_Up on line attività consulenza è lo strumento che consente ai consulenti di qualsiasi tipologia, di migliorare la propria attività professionale.

1 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Hai effettuato un'analisi degli ultimi 12 mesi della tua attività professionale?

2 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Per ogni cliente perso hai analizzato i motivi, le cause?

3 / 4

Categoria: Test valutazione consulenza

Ti stai concentrando sulla clientela acquisita?

4 / 4

Categoria: Uncategorized

Stai utilizzando attività di direct marketing, come invio di lettere di presentazione, telemarketing, ecc?

Il tuo punteggio è

The average score is 39%

0%

Il modo più rapido per iniziare ad aumentare i ricavi della tua attività di consulenza avviene attraverso questi quattro passaggi.

1. Inizia a creare e promuovere la tua proprietà intellettuale che fornisce valore ai tuoi clienti ideali. Ad esempio, scrivi un post sul blog che fornisca le tue intuizioni / soluzioni / riflessioni su un problema che molti dei tuoi clienti stanno affrontando.

2. Modifica le tue conversazioni di vendita per discutere di valore, ROI e COI. Ad esempio, nel tuo prossimo colloquio/incontro di vendita con un potenziale cliente, fornisci una risposta tangibile e numerica su:

3. Inizia a dare un titolo e a posizionare la tua offerta. Ad esempio, assegnagli un nome convincente che comunichi il valore e i risultati che riceverà il tuo cliente.

4. Lavora sulla tua mentalità e sulla fiducia relative al tuo compenso. Ad esempio, aumenta il tuo compenso di almeno il 10-20% con ogni nuovo progetto di consulenza.

Pubblicato il

Come gestisci le scadenze professionali? Fail il check up gratuito

La gestione delle scadenze della propria attività professionale e dei propri clienti è fondamentale. Un errore può costare caro sia in termini economici che legali.

Siamo sempre attenti ad aiutare aziende e professionisti nel migliorare la propria attività, e ti abbiamo preparato un checkup veloce che ti consentirà di individuare gli aspetti critici su come gestisci le tue scadenze professionali, così potrai correggergli subito!

Allora…buon check- up “Come gestisci le scadenze professionali”

Un caro saluto

Dr. Matteo Rapparini
CEO
EDirama

 

 

 

 

32

Check-up: come gestisci le scadenze della tua attività professionale

Come gestisci le scadenze della tua attività professionale? Con questo check-up puoi individuare gli aspetti critici di questa attività fondamentale per te e per i tuoi clienti!
Se sei alla ricerca di uno strumento per ottimizzare la GESTIONE DELLE SCADENZE ADEMPIMENTI puoi consultare la video demo del software VERSCA

1 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di allegare "n" documenti/file al singolo adempimento registrato?

2 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di esportare i dati inseriti?

3 / 9

Lo strumento che utilizzi conserva i dati in cloud presso un terzo provider?

4 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di gestire e ricercare lo stesso adempimento per più aziende?

5 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di gestire singolarmente ogni azienda? 

6 / 9

Gestisci le scadenze utilizzandoun foglio elettronico di Excel autoprodotto?

7 / 9

Gestisci le domande utilizzando un software specifico?

8 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di gestire contemporaneamente più scadenze per più clienti?

9 / 9

Lo strumento che utilizzi ti consente di svolgere ricerche per intervalli di date?

Il tuo punteggio è

The average score is 48%

0%

Pubblicato il

Due guide pratiche per utilizzare MS Excel e per realizzare presentazioni più efficaci

Due guide pratiche per utilizzare MS Excel e per realizzare presentazioni più efficaci.
In lingua inglese, ma molto comprensibili –

Le trovi dopo le ultime novità di Edirama.org in fondo alla pagina
ULTIME NOVITA’ PUBBLICATE

Effective Presentations Quick Reference_new
Microsoft_Excel_Step_by_Step_Guide_1651493920

Pubblicato il

Aggiornamenti Covid-19 aziende, sistemi di gestione, 231, privacy

Sono stati aggiornati con nuovi documenti i seguenti servizi di aggiornamento

_ Alert Covid – luoghi di lavoro
Modello in MS Word di protocollo aziendale Covid-19 aggiornato al 18/1/2022

Alert ISO sistemi di gestione
Sono stati inseriti i kit documentali completi di manuale, procedure, modulistica, relativi a: ISO 27001, ISO 45001, SA 8000.
E’ stato inserito il software valutazione rischi asset aziendali per ISO 27001
Sono state inseriti contenuti di approfondimento

Alert Bandi per incarichi di consulenza
Sono stati inseriti nuovi bandi per incarichi di consulenza DPO, revisore dei conti, forniture software, consulenza e certificazione sistemi di gestione.

Alert 231
Abbonati per essere sempre aggiornato sulle novità inerenti i modelli 231, il D.lgs 231/01, i nuovi reati, la gestione dell’organismo di vigilanza e i bandi per incarichi di consulenza o membro/presidente organismo di vigilanza.
Incluso software e attestato per certificare il tuo aggiornamento annuale.

Clubdpo.com
Abbonati per essere sempre aggiornato su tutte le novità dell’attività del DPO e privacy.
Incluso software e attestato per certificare il tuo aggiornamento annuale.