Pubblicato il

Bando Isi 2022, dall’Inail più di 333 milioni di euro a fondo perduto per la salute e la sicurezza sul lavoro

Bando Isi 2022, dall’Inail più di 333 milioni di euro a fondo perduto per la salute e la sicurezza sul lavoro

La nuova edizione dell’iniziativa, presentata oggi dai vertici dell’Istituto alla presenza del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Marina Calderone, porta oltre quota tre miliardi gli incentivi stanziati a partire dal 2010 a sostegno delle imprese che investono in prevenzione.
Vai al comunicato: https://lnkd.in/dvGrAP3E

Pubblicato il

Come deve utilizzare il formatore, l’intelligenza artificiale. Esempi pratici.

Come deve utilizzare il formatore, l’intelligenza artificiale. Esempi pratici.

L’intelligenza artificiale (IA) sta diventando sempre più importante nel mondo del lavoro e della formazione. Il formatore può utilizzare l’IA per migliorare l’apprendimento degli studenti, rendendo la formazione più efficace e personalizzata.

Ecco alcuni esempi di come il formatore può utilizzare l’IA:

  1. Analisi delle prestazioni: Il formatore può utilizzare l’IA per analizzare i dati sull’apprendimento degli studenti, come le risposte alle domande e il tempo di risposta. Questo gli permette di identificare gli studenti che hanno difficoltà e di fornire loro supporto supplementare.
  2. Personalizzazione del contenuto: L’IA può analizzare i dati sugli studenti e personalizzare il contenuto della formazione in base alle loro esigenze e livelli di conoscenza. Ad esempio, un sistema di IA può utilizzare i dati sulle prestazioni degli studenti per generare domande di esercitazione personalizzate.

  3. Sistemi di tutoraggio virtuale: L’IA può essere utilizzata per fornire un tutoraggio virtuale agli studenti, rispondendo alle loro domande e fornendo feedback sulle loro prestazioni. Questo può aiutare gli studenti a imparare in modo più autonomo.
  4. Valutazione automatica: L’IA può essere utilizzata per valutare automaticamente le prestazioni degli studenti, come le risposte alle domande di test. Questo può rendere più efficiente il processo di valutazione e fornire risultati più precisi.

In generale, l’utilizzo dell’IA nel processo di formazione può aiutare i formatori a fornire un’esperienza di apprendimento più efficace e personalizzata per gli studenti. Tuttavia, è importante notare che l’IA deve essere utilizzata in modo etico e non sostituire completamente la formazione umana.

Pubblicato il

Strategie per coinvolgere i dipendenti nei corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro

“Strategie per coinvolgere i dipendenti nei corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro”

La formazione sulla sicurezza del lavoro è essenziale per garantire che i dipendenti siano in grado di lavorare in modo sicuro e protetto. Tuttavia, spesso i dipendenti possono considerare i corsi di formazione come un’attività obbligatoria e noiosa, che non vedono come utile per il loro lavoro quotidiano. Come formatore o responsabile della sicurezza sul lavoro, è importante trovare modi per coinvolgere i dipendenti e renderli partecipi attivi nei corsi di formazione. Ecco alcune strategie per coinvolgere i dipendenti nei corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro.

  1. Rendere i corsi di formazione interattivi: i dipendenti sono più propensi a partecipare attivamente se i corsi di formazione sono interattivi e coinvolgenti. Utilizzare esercizi pratici, discussioni di gruppo e attività di problem solving per aiutare i dipendenti a comprendere e applicare le informazioni in modo più efficace.

  2. Personalizzare i corsi di formazione: i dipendenti sono più propensi a partecipare se i corsi di formazione sono rilevanti per il loro lavoro quotidiano. Quindi, personalizzare i corsi di formazione in base alle specifiche esigenze dei dipendenti e del loro lavoro.
  3. Coinvolgere i dipendenti nella pianificazione dei corsi di formazione: i dipendenti sono più propensi a partecipare se si sentono parte del processo. Coinvolgere i dipendenti nella pianificazione dei corsi di formazione, chiedendo loro di suggerire argomenti e modalità di formazione.
  4. Utilizzare una varietà di metodi di formazione: i dipendenti hanno stili di apprendimento diversi, quindi utilizzare una varietà di metodi di formazione, come video, presentazioni, guide e corsi online per soddisfare le esigenze di tutti i dipendenti.
  5. Riconoscere e premiare la partecipazione: i dipendenti sono più propensi a partecipare se si sentono apprezzati e valorizzati per la loro partecipazione. Riconoscere e premiare i dipendenti che partecipano attivamente ai corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro.

Incorporare queste strategie nei vostri corsi di formazione sulla sicurezza del lavoro può aiutare a coinvolgere i dipendenti e garantire che essi siano preparati e protetti sul luogo di lavoro.

Pubblicato il

5 consigli per realizzare le slide per i corsi di formazione

  1. Sii conciso e mira al punto. Utilizza solo le informazioni essenziali e evita di sovraccaricare le slide con troppe parole o immagini.
  2. Utilizza immagini e grafici per rendere il contenuto più visivo e facile da comprendere.

  3. Utilizza un carattere leggibile e una struttura di layout consistente per rendere le slide facili da seguire.
  4. Utilizza colori coerenti e uno schema di colori professionale per rendere le slide più accattivanti.
  5. Prova le tue slide con un pubblico di prova prima della formazione per assicurarti che siano chiare e facili da seguire.
Pubblicato il

Due guide pratiche per utilizzare MS Excel e per realizzare presentazioni più efficaci

Due guide pratiche per utilizzare MS Excel e per realizzare presentazioni più efficaci.
In lingua inglese, ma molto comprensibili –

Le trovi dopo le ultime novità di Edirama.org in fondo alla pagina
ULTIME NOVITA’ PUBBLICATE

Effective Presentations Quick Reference_new
Microsoft_Excel_Step_by_Step_Guide_1651493920

Pubblicato il

Nuovo corso on line: Come aggiornare i modelli 231 ai reati contrabbando e ai reati contro i beni culturali

Pubblicato il nuovo corso on line

Come aggiornare i modelli 231 ai reati contrabbando e ai reati contro i beni culturali

Obiettivo del corso online
Fornire le competenze per aggiornare i modelli 231 ai reati contrabbando e ai reati contro i beni culturali.

Contenuti
1) I reati contrabbando
2) I reati contro i beni culturali
3) Come realizzare la valutazione dei rischi reati
4) Come aggiornare i modelli 231: la parte generale e la parte speciale
5) Come aggiornare il codice etico
6) Check list di supporto alla valutazione rischi reati contrabbando
7) Check list di supporto alla valutazione rischi reati contro i beni culturali
8) Gli errori da evitare nell’aggiornamento dei modelli 231 ai reati contrabbando e ai reati contro i beni culturali.

Pubblicato il

Privacy – Sei un DPO Aggiornato e competente? Fai il test adesso

68

DPO - Sei un DPO aggiornato?

Sei un DPO aggiornato? L'aggiornamento annuale del DPO è previsto dall'art. 38, paragrafo 2, del Regolamento Ue 2016/679, che impone al DPO il mantenimento della propria conoscenza specialistica. Con questo piccolo test verifica subito le tue attuali competenze come DPO. Nel caso non lo hai ancora fatto, ecco il corso online per il tuo aggiornamento annuale - CLICCA QUI PER MAGGIORI INFORMAZIONI

1 / 7

Un libero professionista senza dipendente  che tratta  dati sanitari deve avere il registro dei trattamenti?

2 / 7

L'Organismo di vigilanza 231 può essere considerato autonomo titolare del trattamento (art. 4, n. 7 del Regolamento)?

3 / 7

Il ransomware è un programma informatico dannoso che può “infettare” un dispositivo digitale con lo scopo di bloccare l’accesso a tutti o ad alcuni dei file presenti nel dispositivo infettato al fine di permettere all’hacker di chiedere un riscatto all’organizzazione attaccata per la liberazione di tali file?

4 / 7

Il phishing è un tipo di virus che blocca i sistemi informatici all'apertura di email?

5 / 7

L’affidamento dei contratti aventi ad oggetto l'incarico di DPO di importo inferiore alle soglie comunitarie deve avvenire nel rispetto del principio di rotazione?

6 / 7

Il titolare del trattamento dei dati di una società con più sedi, può avere per ogni sede un DPO specifico?

7 / 7

Hai svolto un corso di formazione relativo alla Cybersecurity negli ultimi 12 mesi?

Il tuo punteggio è

The average score is 52%

0%

Pubblicato il

4 vantaggi per I consulenti

Oggi ti segnalo i vantaggi di 4 nostri prodotti in offerta con l’extra sconto del 30% al carrello, disponibili su Edirama.org

_ Modello (formato editabile) Relazione Annuale del DPO alla direzione aziendale
Vantaggio per te: risparmi tempo nel predisporre la Relazione Annuale del DPO, utilizzando un modello già predisposto in tutte le sue parti.
Acquistalo oggi e risparmi: 29,70 euro i.e.

_ Raccolta Check list verifiche/audit modelli 231 Organismo di Vigilanza 231
Vantaggio per te: realizzi gli audit 231 in modo sicuro, veloce e senza errori
Acquistalo oggi e risparmi: 119,40 euro i.e.

_ Corso on line Aggiornamento annuale 2022 DPO
Vantaggio per te: certifichi l’aggiornamento delle tue competenze come DPO anche per il 2022, come richiesto dal GDPR
Acquistalo oggi e risparmi: 89,10 euro i.e.

_ Software VERSCA gestione scadenze periodiche clienti
Vantaggio per te: ottimizzi la gestione delle scadenze di qualsiasi tipologia di adempimento tuo e dei tuoi clienti, evitando errori (tipo “salta una scadenza”) e riducendo i tempo di lavoro
Acquistalo oggi e risparmi: 119,10 euro i.e.

Pubblicato il

La formazione annuale del DPO nel 2022 – Ecco come farla!

Come ogni anno, anche nel 2022 il DPO deve aggiornare le proprie competenze e conoscenze per potere esercitare correttamente le proprie funzioni.
Quest’ anno il DPO deve assolutamente approfondire i propri skills ai temi della cybersecurity, in considerazione del ruolo che la sicurezza informatica, ha assunto in tutte le aziende.

Vediamo alcuni dati.

Nel 2021 gli attacchi informatici nel mondo sono aumentati del 10% rispetto all’anno precedente, e sono sempre più gravi. Le nuove modalità di attacco dimostrano che i cyber criminali sono sempre più sofisticati e in grado di fare rete con la criminalità organizzata. Questo è quanto emerge dal nuovo Rapporto Clusit.

Gli attacchi crescono in quantità e in “qualità”: la classificazione dei ricercatori di Clusit si basa anche su una valutazione dei livelli di impatto dei singoli incidenti, che tiene in considerazione aspetti di immagine, economici, sociali e le ripercussioni dal punto di vista geopolitico.

La geografia degli attacchi. Gli attacchi classificati dai ricercatori di Clusit si sono verificati nel 45% dei casi ancora nel continente americano (in leggero calo rispetto al 2020). Sono invece cresciuti gli attacchi verso l’Europa, che superano un quinto del totale (21%, contro il 16% dell’anno precedente), e verso l’ Asia (12%, rispetto al 10% del 2020). Resta sostanzialmente invariata la situazione degli attacchi verso Oceania (2%) e Africa ( 1%).

Severità degli attacchi in forte aumento. Nel 2021 il 79% degli attacchi rilevati ha avuto un impatto “elevato”, contro il 50% dello scorso anno. In dettaglio, il 32% è stato caratterizzato da una severity “critica” e il 47% “alta”. A fronte di queste percentuali, sono diminuiti invece gli attacchi di impatto “medio” (-13%) e “basso” (-17%).


Sempre di più il DPO sarà quest’anno chiamato a correlarsi con problematiche che esulano dal GDPR, ma che ne possono coinvolgere molti elementi applicativi e operativi dello stesso, con problematiche che nascono da “falle” nella cybersecurity aziendale.
Quindi è fondamentale per il DPO svolgere un corso di formazione base in ambito cybersecurity, il cui attestato finale può certificare le nuove competenze acquisite, assicurando così l’azienda sulle competenze complete del DPO anche in tale tematica.