Pubblicato il

Ecobonus 110 – Il visto di conformità e i relativi documenti 

Ecobonus 110 – Il visto di conformità e i relativi documenti

Ecobonus 110

SOFTWARE GESTIONE DOCUMENTAZIONE BONUS 110

Che cos’è il visto di conformità Ecobonus 110%?

L’articolo 119 del Decreto Rilancio prevede esplicitamente il visto di conformità, che deve essere inserito nella comunicazione cessione del credito Ecobonus 110  o per lo sconto in fattura.

Sostanzialmente è un controllo effettuato da parte di un professionista abilitato, relativo ai documenti presentati per accedere alle agevolazioni fiscali per ristrutturare e riqualificare casa con il Superbonus.

Tale controllo è svolto non solo sui documenti presentati dal contribuente per accedere al Superbonus, ma anche in merito alla congruità delle spese sostenute per i singoli interventi.

Quando richiedere il visto di conformità?

Il visto di conformità può essere richiesto alla fine dei lavori o, a seconda del caso, seguendo i Sal, cioè il Saldo ad Avanzamento Lavori. E le operazioni inerenti al rilascio del visto di conformità dovranno essere eseguite obbligatoriamente per ogni singolo Sal.

I documenti per il visto di conformità

Riepiloghiamo tutto quel che serve per ottenere il visto di conformità:

  • un idoneo titolo di possesso o detenzione dell’immobile su cui realizzare i lavori;
  • redditi imponibili in Italia;
  • un idoneo titolo abilitativo a seconda dell’intervento da realizzare;
  • le relazioni tecniche e le asseverazioni precedenti all’avvio dei lavori (da redigere secondo il Decreto Requisiti Tecnici per l’Ecobonus e al DM 329/2020 per il Sismabonus 110%);
  • la comunicazione preventiva all’Asl (prevista solo in cantieri di grandi dimensioni, con più imprese presenti contemporaneamente e un’entità di lavoro non inferiore a 200 uomini-giorno);
  • il certificato catastale o la domanda di accatastamento;
  • l’eventuale atto di cessione dell’immobile;
  • i documenti comprovanti le spese sostenute (fatture e bonifici);
  • la dichiarazione sostitutiva attestante il rispetto del limite massimo di spesa ammissibile;
  • la dichiarazione sostitutiva da cui risulti che non si usufruisce di altri contributi per i lavori realizzati;
  • la specifica documentazione per le spese sulle parti comuni;
  • la ricevuta di trasmissione all’Enea della scheda descrittiva dell’intervento;
    l’asseverazione del rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati nonché della congruità delle spese;
  • la polizza di assicurazione del professionista che redige l’asseverazione;
  • il consenso alla cessione del credito o allo sconto in fattura da parte del cessionario o del fornitore.
Pubblicato il

Pubblicato il Software DOC Bonus 110 – software gestione documentazione pratiche Bonus 110

Software DOC Bonus 110 – è il  software per gestire correttamente la  documentazione delle pratiche Bonus 110.

Il software permette di:
_ controllare la presenza di tutti i documenti richiesti
_ gestire tutti gli allegati documentali richiesti
_ gestire eventuali scadenze

Vantaggi
_ si evitano errori nella compilazione della pratica Bonus 110
_ rapidità nella gestione della documentazione Bonus 110

Maggiori informazioni dal seguente link