Pubblicato il

Come realizzare l’aggiornamento ISO 9001:2015 al climate change – Amd 1:2024

Con l’Addendum di febbraio la norma ISO 9001:2015 è stata modificata nei due requisiti 4.1.e 4.2 che ora sono così strutturati

  • Requisito 4.1 Requisito Comprendere l’organizzazione ed il suo contesto – determinare se il cambiamento climatico è una questione pertinente;
  • Requisito 4.2 Nota Esigenze ed aspettative delle parti interessate – le parti interessate possono avere requisiti relativi al cambiamento climatico. Questa modifica sottolinea l’importanza di identificare e comprendere i requisiti legati al clima che possono influenzare le relazioni con le parti interessate.

    Queste modifiche sottolineano l’imperativo per le organizzazioni di incorporare considerazioni relative al cambiamento climatico nelle loro strategie e nei sistemi di gestione della qualità. Le organizzazioni sono incoraggiate a sviluppare una resilienza strategica e operativa di fronte ai rischi ambientali, come le interruzioni della catena di approvvigionamento dovute a fenomeni meteorologici estremi o la necessità di innovare nei prodotti per ridurne l’impronta di carbonio.

    Questo aggiornamento rappresenta un progresso significativo verso l’armonizzazione delle pratiche di gestione della qualità con gli obiettivi di sostenibilità ambientale. Riflette una consapevolezza crescente dell’urgenza di affrontare le questioni ambientali, evidenziando come le normative ISO possano sostenere gli sforzi globali per mitigare l’impatto del cambiamento climatico. L’iniziativa segue la direzione stabilita dalla Dichiarazione di Londra sul cambiamento climatico, mirando a promuovere un’azione congiunta tra le organizzazioni a livello globale per affrontare le sfide climatiche.

    Per adempiere ai requisiti di questo punto nell’ottica della nuova aggiunta, le organizzazioni possono seguire alcuni semplici passaggi:
    valutazione della rilevanza – le organizzazioni devono iniziare con una valutazione approfondita per determinare se e come il cambiamento climatico influisca sulla loro attività. Questo include l’analisi dei rischi associati al cambiamento climatico come, ad esempio, l’impatto sulle risorse, la gestione della catena di fornitura, gli aspetti produttivi e la domanda dei consumatori integrazione nella gestione dei rischi – una volta identificata la rilevanza del cambiamento climatico, le organizzazioni dovrebbero integrare questi rischi nel loro processo di gestione dei rischi, aggiornando le procedure esistenti per includere fattori legati al clima e garantendo che le strategie di mitigazione siano in linea con gli obiettivi di sostenibilità obiettivi e pianificazione

    – stabilire obiettivi specifici legati al cambiamento climatico che possono includere la riduzione delle emissioni di gas serra, l’efficienza energetica o l’utilizzo di risorse rinnovabili. La pianificazione dovrebbe spiegare nel dettaglio come questi obiettivi verranno raggiunti, quali risorse saranno necessarie e quali tempistiche verranno seguite

    implementazione – modificare le attività aziendali per allinearle agli obiettivi di sostenibilità stabiliti.
    Questo step può includere l’adozione di tecnologie pulite, la riduzione degli sprechi, il miglioramento dell’efficienza dei processi e la formazione dei dipendenti sull’importanza del cambiamento climatico monitoraggio e revisione

    – monitorare regolarmente i progressi verso gli obiettivi di sostenibilità e valutare l’efficacia delle strategie adottate comunicazione e coinvolgimento delle parti interessate

    – informare le parti interessate, inclusi clienti, fornitori e la comunità locale, in merito agli sforzi dell’organizzazione per affrontare il cambiamento climatico.
    Questo non solo migliora la reputazione dell’azienda ma incoraggia anche un approccio collaborativo alla sostenibilità.

    Per soddisfare i requisiti di questa aggiunta, le organizzazioni possono adottare un approccio metodico:

    1. Valutazione dell’Impatto: Iniziate con un’analisi dettagliata per capire l’effetto del cambiamento climatico sulla vostra attività. Esaminare i rischi climatici, come influenzano le risorse, la catena di fornitura, i processi produttivi, e la domanda dei consumatori.
    2. Integrazione nella Gestione dei Rischi: Identificata l’importanza del cambiamento climatico, incorporate questi rischi nel vostro framework di gestione dei rischi. Aggiornate le procedure per includere considerazioni climatiche, assicurandovi che le misure di mitigazione siano coerenti con i vostri obiettivi di sostenibilità.
    3. Definizione di Obiettivi e Pianificazione: Impostate obiettivi chiari legati al clima, quali la diminuzione delle emissioni, il miglioramento dell’efficienza energetica, o l’adozione di risorse sostenibili. Dettagliate le strategie per raggiungere questi obiettivi, specificando risorse necessarie e cronogramma.
    4. Attuazione: Adeguare le operazioni aziendali per allinearsi agli obiettivi di sostenibilità. Questo può comportare l’introduzione di tecnologie sostenibili, la riduzione dei rifiuti, l’ottimizzazione dei processi, e la sensibilizzazione dei dipendenti sull’importanza delle azioni climatiche.
    5. Monitoraggio e Valutazione: Sorvegliate costantemente i progressi verso gli obiettivi di sostenibilità e valutate l’efficacia delle misure implementate.
    6. Comunicazione e Coinvolgimento: Mantenete informate le parti interessate, incluse clientela, fornitori e comunità, sui vostri sforzi per contrastare il cambiamento climatico. Questo non solo eleva il profilo dell’organizzazione ma promuove anche una collaborazione più ampia verso la sostenibilità.