Pubblicato il

Aggiornamento 231 – Disponibile il nuovo corso on line di aggiornamento per consulenti e ODV

Disponibile dal 10/8 il nuovo Corso on line Aggiornamento 2020 consulente e ODV D.lgs 231/01.

Questo corso consente di aggiornare e certificare le proprie competenze per il 2020 come consulente D.lgs 231/01 e Membro Organismo di Vigilanza D.lgs 231/01.

L’aggiornamento è fondamentale per potere dimostrare ai potenziali clienti in qualità di consulente 231 e alle aziende in cui si ricopre il ruolo di membro organismo di vigilanza, di essere un professionista preparato, con aggiornamento continuo certificato dall’attestato che viene rilasciato al termine del corso on line.
L’attestato rilasciato al termine del corso on line, certifica ulteriormente le proprie competenze in ambito modelli 231 e organismo di vigilanza.

Se non sai rispondere a queste 4 domande è il caso che ti iscrivi subito al corso online di aggiornamento.
1) Ai fini privacy, l’ODV è autonomo titolare trattamento dei dati o responsabile del trattamento?
2) Il denaro presente sul conto dell’azienda può sempre essere sequestrato in caso di commissione di reati tributari?
3) L’associazione per delinquere è configurabile anche quando i delitti commessi dagli associati siano prescritti?
4) I reati di peculato e abuso d’ufficio con la direttiva UE cd. PIF  sono applicabili  solo ed esclusivamente in relazione a fatti che offendono gli interessi finanziari dell’UE ?

Il materiale didattico completamente scaricabile è costituito da dispense in pdf e da due strumenti indispensabili per il proprio aggiornamento:
_ check list aggiornamento modelli 231 ai reati tributari
_ check list aggiornamento modelli 231 ai reati introdotti dalla direttiva UE cosiddetta PIF.
Il valore commerciale dei due prodotti supera i 500 euro i.e. – Sono inclusi nel presente corso on line .

Contenuti del corso:
_ Le novità 2020 inerenti il D.lgs 231/01
_ I reati tributari: come aggiornare i modelli e come svolgere l’attività di ODV
_ Covid-19: l’impatto sui modelli 231
_ I nuovi reati introdotti dalla Direttiva Europea cosiddetta PIF: come aggiornare i modelli e come svolgere l’attività di ODV
_ Le sentenze del 2020 con impatto sui modelli 231

Il corso multimediale è accessibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
Durate del corso: 5 ore
Il corso è disponibile da lunedì 10/8 – Pre iscriviti adesso con lo sconto del 50% al prezzo di 397 euro i.e.

Perchè devi iscriverti al corso on line:
_ qualifichi ulteriormente la tua professione di consulente 231/membro ODV
_ apprendi rapidamente tutte le novità 2020 inerenti il D.lgs 231/01
_ scegli tu comodamente quando consultare il corso
_ arricchisci il tuo curriculum professionale
_ certifichi le tue competenze con l’attestato che riceverai a fine corso
_ ricevi insieme al materiale didattico, le due check list professionali da utilizzare subito nella tua attività




Pubblicato il

Aggiornamento privacy, 231 e nuovi domini web area finanza/banche

Sono disponibili i seguenti nuovi aggiornamenti

_ Privacy – Leggi su www.consulenzaprivacy.org
Covid-19 e protezione dei dati – Indicazioni per attività commerciali, associative e ricreative

_ D.lgs 231/01 – Leggi su www.consulenza231.org
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale n.177 del 15.07.2020 la Direttiva PIF.

_ Domini web – Disponibili 4 nuovi domini web settore finanza/banche/mutui/investimenti
_ mutuocalcolarata.it
_ confrontomutuicasa.it
_ mutuoprimacasaonline.com
_ pianoaccumulo.it

Pubblicato il

Nuovi domini web per commercialisti, avvocati, consulenti 231 e consulenti privacy

 

Il dominio web del proprio sito è un vero e proprio biglietto da visita per sviluppare la propria reputazione web e acquisire nuovi clienti e la loro relativa fiducia.

Un dominio efficace è fondamentale per la propria attività professionale e per assicurare al proprio sito web contatti qualificati.

Sono disponibili 5 nuovi domini:

www.consulenzalegale.blog

www.organismovigilanza231.it

www.consulente231.com

www.consulentedpo.com

www.commercialista.top

per le società di consulenza e i singoli consulenti che desiderano sviluppare la propria attività e identità  professionale sul web in ambito studio consulenza fiscale, legale, consulenza 231 e consulenza privacy/servizio DPO.

Maggiori informazioni dal seguente link

Pubblicato il

Direttiva PIF e nuovi reati 231 – Pubblicata la check list per ODV e consulenti 231

Il Consiglio dei Ministri del 7 luglio ha approvato in esame definitivo il decreto legislativo di attuazione della Direttiva (UE) 2017/1371 relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (Direttiva PIF).

Il provvedimento ha ampliato anche i reati presupposto del D.lgs 231/01 inserendo i seguenti nuovi:
_ IVA – dichiarazione infedele (art. 4 D.lgs 74/2000)
_ IVA – omessa dichiarazione (art. 5 D.lgs 74/2000)
_ IVA – indebita compensazione (art. 10 D.lgs 74/2000)
_ Frode in agricoltura (art 2. legge 898/1976)
_ Peculato (art 314 comma 1 cp)
_ Peculato mediante profitto errore altrui (art 316 cp)
_ Abuso d’ufficio (art 323 cp)
_ Frode pubbliche forniture (art.356 cp)
_ Reato di contrabbando DPR 43/1973

Questa check list è strutturata in un agile foglio elettronico  dove per ogni reato è indicato:
_ settore aziendale
_ misure di controllo e divieti da inserire nel sistema documentale 231 e da utilizzare nell’attività di controllo dell’Organismo di Vigilanza
_ consigli per la valutazione dei rischi necessaria

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Pubblicato il

Nuovi reati presupposto 231

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (c.d. Direttiva P.I.F.).

kit 231

Il provvedimento ha ampliato anche i reati presupposto del D.lgs 231/01 inserendo i seguenti nuovi:
_ IVA – dichiarazione infedele (art. 4 D.lgs 74/2000)
_ IVA – omessa dichiarazione (art. 5 D.lgs 74/2000)
_ IVA – indebita compensazione (art. 10 D.lgs 74/2000)
_ Frode in agricoltura (art 2. legge 898/1976)
_ Peculato (art 314 comma 1 cp)
_ Peculato mediante profitto errore altrui (art 316 cp)
_ Abuso d’ufficio (art 323 cp)
_ Frode pubbliche forniture (art.356 cp)
_ Reato di contrabbando DPR 43/1973

Pubblicato il

Modelli 231 – Nuovi reati tributari IVA – Aggiornato il software valutazione rischi reati tributari modelli 231

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (c.d. Direttiva P.I.F.).

Si amplia il catalogo dei reati tributari per i quali è considerata responsabile anche la società includendovi ora i delitti di dichiarazione infedele, di omessa dichiarazione e di indebita compensazione relativamente all’IVA.

KIT AGGIORNAMENTO REATI FISCALI
VERS. 3.0 AGGIORNAMENTO 8/7/2020

Pubblicato il

Tre nuovi modelli Protocollo Covid-19 per alberghi, attività di somministrazione di pasti e bevande., sagre e fiere

Sono disponibili tre modelli di protocollo Covid-19, in formato MS Word, editabili.

Pubblicato il

Come scegliere lo strumento migliore per gestire le scadenze degli adempimenti periodici

 SOFTWARE GESTIONE SCADENZE – VERSCA

 

Aggiornato il 30/06/2020
Uno dei più diffusi problemi che hanno aziende e consulenti è la gestione delle scadenze degli adempimenti periodici.
Mi riferisco non solo a quelle afferenti all’area contabile (pagamenti, fatture, ecc), ma e soprattutto a quelle relative a:
_ corsi di formazione
_ interventi di manutenzione
_ documenti
_ audit e azioni correttive
_ visite mediche
_ ecc..
Decine e decine di tipologie di adempimenti in cui l’esigenza di gestirne la scadenza, assume una priorità assoluta.

Quali sono gli strumenti che puoi utilizzare per gestire le scadenze periodiche?
Sono tre e si caratterizzano ciascuno per avere punti di forza e aspetti migliorabili.

1) Software installati direttamente sul proprio pc
2) Software in cloud
3) Fogli elettronici in Excel

Vediamo schematicamente quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle tre alternative

1) Software installati direttamente sul proprio pc
Si tratta di una soluzione scelta da molti in quanto assicura la conservazione e la gestione dei dati inseriti, sul proprio pc o sul proprio server di rete. Generalmente non hanno sistemi di invio tramite sms o email del rimender, ma richiedono da parte dell’uente l’avvio del software per conoscere per un determinato intervallo di tempo, definibile anche dall’utente, le scadenze degli adempimenti registrati. Spesso il calcolo della nuova scadenza avviene in automatico, così come la possibilità di ricerca scadenze per tipologia di adempimento o per singola azienda,
Un esempio di un software molto diffuso è VERSCA

2) Fogli elettronici in Excel
La gestione delle scadenze tramite un foglio elettronico in Excel può risolvere tranquillamente esigenze di base, ma non consente di automatizzare ricerche incrociate come ad esempio tra due date, oppure svolgere una ricerca per tipologia di adempimento, o per singola azienda.
Scarica modello di scadenziario in MS Excel

3) Software in cloud
Sul mercato sono presenti numerose soluzioni cloud per gestire le scadenze, alcune delle quali davvero molto interessanti, ma tutte con un grosso limite: la gestione e la conservazione dei dati avviene su un server esterno, determinando così dubbi sulla sicurezza dei dati, e sul fatto che io come utente non abbia poi tutta questo entusiasmo di lasciare i miei dati alla mercè di possibili (anche se remote) azioni di data breach (violazione dei dati inseriti).

SOFTWARE GESTIONE SCADENZE – VERSCA

Le soluzioni cloud spesso offrono l’invio in automatico dell’avviso della scadenza dell’adempimento (il cosiddetto reminder), tramite sms o email. Questa funzione è molto utile ed è molto richiesta dagli utenti, ma presenta un problema: i filtri antispam presenti sui pc. Ecco che quindi il reminder deve gestito in modo “intelligente”, ovvero l’email di reminder deve essere inviata a un’unica email, verificando che il mittente sia nella rubrica e che non sia “spammato”. Ad esempio il consulente che adotta una soluzione cloud è bene che non inserisca come destinatario degli avvisi di scadenza il singolo cliente, ma una propria email in modo tale da essere sicuro che non vi sia alcun filtro antispam che la possa “rendere invisibile”.

Pubblicato il

Pubblicato il software Ispezione Covid-19

E’ disponibile il nuovo software Ispezione Covid-19, lo strumento per individuare aspetti sanzionabili / non conformi, relativi alle misure anti Covid-19 applicate in azienda relativamente al D.P.C.M. del 26 aprile 2020
Il software simula la verifica effettuata dagli Organismi di controllo, mediante la valutazione della documentazione e dell’applicazione corretta del D.P.C.M. del 26 aprile 2020.

Il software grazie alla bancadati pre-caricata con 83 quesiti e relative misure correttive, consente in pochi secondi, rispondendo (SI/NO/NON APPLICABILE) ai quesiti proposti, di individuare gli aspetti sanzionabili e propone le misure correttive da applicare. Inoltre fornisce un report statistico sulle non conformità rilevate.

ACCEDI ALLA VIDEO DEMO DAL SEGUENTE LINK